“IMMAGINI & LUCI. TRA ILLUSIONE E REALTA'”

loc

“Il Punto”– Centro ternano di cultura e l’Associazione di promozione sociale Tempus Vitae organizzano presso il Museo Diocesano e Capitolare, Terni via XI Febbraio 8, dal 30 novembre al 10 dicembre 2017, una mostra d’arte dedicata ai manufatti artistici di Luca Luzzi e ai “quadri digitali” di Giancarlo Santi, dal titolo “Immagini e luci / tra illusione e realtà”, con inaugurazione sabato 2 dicembre alle ore 17.30.

Luca Luzzi e Giancarlo Santi, di diversa età, diversi inevitabilmente per stili e scelte di vita, ambedue autodidatti e attratti dalla tecnologia, più o meno sviluppata, amano ambedue “giocare con la luce”.

Luca Luzzi, amante della tridimensionalità e dello spazio, creatore di “complessi plastici” tra l’ambiguità della visione e la trasformazione attiva della materia al limite del “gioco” fine a sé stesso e al di fuori da ogni funzione d’uso riconoscibile, produce manufatti ravvivati dall’azione della luce.

Giancarlo Santi, ovvero Sa.Gi., come ama firmarsi nei suoi filmati, slide show e cortometraggi, è un garbato signore di mezza età da tempo immemorabile attratto dalla fotografia, “scrivere con la luce” è stato da sempre il suo hobby, pur non abbandonando la fotografia, ma partendo da essa, si è dato ad una recente variante dell’elaborazione informatica che va sotto il nome di “quadro digitale”, una ulteriore metamorfosi del produrre immagini.

La mostra sarà visitabile nei giorni feriali dalle ore 16.00 alle ore 19.30 e nei festivi dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.30.

 

GRAZIE!

0br

Tempus Vitae ringrazia quanti hanno partecipato, nella serata di sabato 7 ottobre, al concerto di musica brasiliana, spettacolo di beneficenza per la raccolta fondi per l’acquisto di un mammografo digitale da donare all’Azienda Ospedaliera “S. Maria” di Terni.

“TRENT’ANNI DI PITTURA, QUASI UN’ANTOLOGICA”

0sav

TEMPUS VITAE e IL PUNTO-Centro ternano di cultura, in collaborazione con INDISCIPLINARTE e il CAOS (Centro per le Arti Opificio Siri) di Terni promuovono una mostra di pittura, curata da Domenico Cialfi, che raccoglie opere che datano dal lontano 1986 al 2017, molte delle quali collocate presso prestigiose collezioni in Italia e all’estero, dedicata a Baldo Savonari.

Baldo Savonari, di origini siciliane, è nato a Erice nel 1942, si definisce un pittore di “bottega”, un artista che con sapienza e passione ha imparato il proprio mestiere frequentando gli studi di buoni maestri, dai quali ha assimilato le tecniche e la filosofia del lavoro artigianale.
Fino al 1975 viene influenzato dai pittori astrattisti o comunque non figurativi, nel 1976 l’incontro con l’opera futurista di Giacomo Balla e Umberto Boccioni cambia direzione al suo lavoro che si incentrerà sulla rappresentazione cromatica del movimento, fin quando nel 1985, in una notte magica, nella solitudine del suo studio in un ambiente di pertinenza dell’Abazia di Farfa in Sabina, mentre sta contemplando le Battaglie del pittore rinascimentale Paolo Uccello, noto per le sue audaci prospettive, avviene la folgorazione che unirà nella sua pittura la cultura del Rinascimento al dinamismo del Futurismo:

“Un filo sottile, ma fortissimo, lega la scoperta della Prospettiva alla bella follia del Movimento, un filo che rende veramente diversa la pittura italiana da qualsiasi altra pittura”

Nel 1986, Savonari, rivisitando e interpretando la battaglia di Paolo Uccello, firma la sua prima opera d’intonazione futurista, fondando un movimento ispirato al Futurismo con la redazione del Manifesto del Terzofuturismo. Seguiranno importanti mostre in Italia (Roma, Ostia, Alcamo, Erice, Palermo, Montepulciano, Trapani, Lecce, Milano, Rieti, Cittaducale, Castelnuovo di Farfa, ecc.) e fuori dai confini nazionali (Stoccolma, San Marino, ecc.), inoltre l’impianto di una galleria permanente al Saracen Hotel di Isola delle Femmine a Palermo.

Ciò che affascina Savonari del Futurismo è lo studio delle vibrazioni cromatiche, la rappresentazione del movimento, l’energia latente che riposa nella materia e soprattutto l’evocazione dell’intensità vitale dei fenomeni, siano essi naturali o artificiali. La sua avversione verso ogni ordine precostituito lo porta a detestare “la copia dal vero”.

Nella sua opera nulla è lasciato al caso, ogni tono, ogni forma, ogni elemento del quadro sono frutto di un meditato ragionamento. I suoi quadri trasudano equilibrio, pensiero, logica, ma allo stesso tempo coinvolgono lo spettatore in un turbinio di forme e colori, nei quali si avverte un’elaborazione culturale che dal Rinascimento giunge fino ai nostri giorni.

Collocandosi l’artista Savonari nel molteplice dell’arte contemporanea con la sua personale proposta tesa a coniugare Futurismo e Rinascimento, secondo i dettami del suo Terzo Futurismo, ha stimolato a ripercorrere, tra filologia e libera ispirazione, nel corso dell’inaugurazione alcune espressioni del Futurismo storico in campo letterario, come quelle di Franca Maria Corneli, scelte da Domenico Cialfi e sottolineate da proiezioni di immagini assemblate da Giancarlo Santi, un vero inno modernista e produttivistico alla “Idroelettrica Nera-Velino” e all’Umbria tutta, e a mettere in campo una performance di danza moderna ispirata alle opere di Savonari, un vero omaggio all’artista, con suoni e musiche evocative rielaborate elettronicamente all’uopo composte.

Inaugurazione

Durante l’inaugurazione della mostra si è tenuta una performance di danza moderna ispirata alle opere di Savonari con Livia Massarelli, danzatrice e coreografa laureata all’Accademia Nazionale di Danza di Roma e danzatrice nella compagnia EDge della London Contemporary Dance School basata al The Place a Londra, che ha lavorato con coreografi di fama internazionale danzando in Italia, Inghilterra, Scozia, Portogallo ed Austria ed ha partecipato come danzatrice e coreografa ad importanti festival come La Biennale Danza, il Festival Dei Due Mondi e TerniFestival. Livia Massarelli ha danzato su musiche rielaborate elettronicamente dal maestro Maurizio Massarelli, docente di violoncello al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma e al master di Ingegneria del Suono presso l’Università di Torvergata a  Roma.

L’attrice Elisa Gabrielli, artista formatasi alla scuola di Gastone Moschin e per lo più attiva con il Teatro Stabile dell’Umbria, ha infine recitato una poesia di Franca Maria Corneli.

Fino al 29 Ottobre 2017

CAOS, via Campofregoso 98 – Terni
Orario: dal martedì alla domenica 10-13 e 17-20

SPETTACOLO DI BENEFICENZA

Locandina

“Il Punto”- Centro ternano di cultura e “Tempus Vitae”- Associazione di Promozione Sociale, in collaborazione con “TerniXterni-anch’io” e altre associazioni, come la FNISM-Terni, propone un concerto di musica e poesia brasiliana al fine di raccogliere fondi per l’acquisto di un mammografo digitale da donare all’Azienda Ospedaliera “S. Maria” di Terni, ma anche in ricordo dell’arch.Franco Maroni, scomparso da quasi un anno.

Il concerto, dal titolo “Noemi Nori & Brasil ‘87, parole e suggestioni musicali dal Brasile”, é programmato per il 7 ottobre 2017, alle ore 21.00, presso la chiesa di S. Giuseppe Lavoratore a Cospea, l’edificio sacro della città, maggiormente in linea con la rivoluzione liturgica del Concilio vaticano II, opera dell’arch. Franco Maroni, un umanistico segno di tangibile Modernità.

Il concerto prevede uno spaccato della musica brasiliana che pone al centro l’opera di Tom Jobim e Vinicius De Moraes, senza tralasciare altri fondamentali apporti di importanti musicisti che hanno contribuito a superare gli steccati tra le varie espressioni musicali. Ai brani d’insieme si aggiungono altri in duo nei quali la recitazione della poesia di Vinicius De Moraes si fonde con la chitarra classica e il canto, creando un insieme carico di suggestioni ed emozioni.

Il complesso “Noemi Nori & Brasil ‘87”: Noemi Nori  Voce, Domenico Cialfi voce recitante; Camilla Onelli tromba; Francesca Gagliardi tromba; Domenico Alfieri percussioni; Sonia Bertocci percussioni; Giovanni Todini percussioni; Fabrizio Nesta basso; Valerio Natoli chitarra, reduce dai successi romani presso il Gonfalone, proporranno brani classici della bossanova, eseguiti nella loro veste originale, non in forma jazzistica, insieme ad altri brani di importanti autori nell’ambito della musica brasiliana, come Chico Buarque de Hollanda, Joao Bosco, Toquinho, al fine di conferisce al concerto un aspetto di diverse e ricche sfaccettature.

Per partecipare all’evento e sostenere l’iniziativa è necessario ritirare l’invito per l’ingresso contribuendo con una offerta contattando il numero 340 5663725.

Per informazioni: info@tempusvitae.it

VISITA GUIDATA ALLE CHIESE DEI MONTI MARTANI

0mm

Sabato 16 settembre 2017, l’associazione Tempus Vitae ha organizzato, in collaborazione con l’associazione Il Punto, una visita guidata alla scoperta delle chiese Loc Baiano di Spoleto – Monte Martani. Una bellissima giornata trascorsa alla scoperta di una parte del ricco, ma dimenticato patrimonio architettonico e artistico sacro dei Monti Martani.
Le chiese, in località Baiano di Spoleto – Monte Martani, che sono state visitate sono le seguenti:
1. Chiesa San Giovanni Battista in frazione Rapicciano
2. Chiesa Ascensione di Nostro Signore in frazione Montemartano
3. Chiesa San Severo in frazione Terzo San Severo
4. Chiesa San Giovanni Apostolo di frazione Meggiano
5. Chiesa Madonna di San Salvatore in frazione San Salvatore

 

“OMAGGIO AD ALFREDO INNOCENZI”

0inmo

Dopo la mostra dedicata allo scultore, pittore e allestitore di interni Alfredo Innocenzi, allestita presso il Museo Diocesano di Terni (fra dicembre 2016 e febbraio 2017) che ha segnato, grazie all’impegno delle associazioni “Il Punto” e “Tempus Vitae”, la riscoperta dell’artista, dopo un silenzio di oltre quaranta anni dalla sua scomparsa, torna ancora a far parlare di sé e della sua arte.

Il Comune di Stroncome, in collaborazione con “Il Punto”- Centro ternano di cultura e “Tempus Vitae”, ha infatti deciso di dedicare una mostra al maestro ternano all’interno dell’Agosto stronconese, memore anche che nell’immediato dopoguerra (1947), quando la cittadina riconquistò l’autonomia amministrativa, dopo il forzato accorpamento a Terni nel 1927, fu proprio l’artista ternano che ebbe l’incarico di scolpire lo stemma, ancora collocato al di sopra della porta principale di ingresso dell’agglomerato medioevale.

Il 20 agosto nella “Sala Voves”, alle ore 17.00, con una prolusione di Domenico Cialfi, verrà inaugurata la mostra-omaggio all’artista ternano, che si avvale delle sculture già in giacenza presso l’Archivio comunale della cittadina umbra (con qualche ulteriore nuovo rinvenimento), di apparati fotografici ad illustrazione della variegata gamma di realizzazioni dell’artista e di un cortometraggio realizzato da Giancarlo Santi.

La mostra omaggio ad Alfredo Innocenzi sarà aperta tutte le sere, fino al 27 agosto, dalle 21 alle 23. Sabato e Domenica anche dalle 18 alle 20. L’ingresso è libero.

Ma la riscoperta di Innocenzi sembra non avere sosta, è di questi giorni la notizia che, a breve, grazie all’interessamento degli Archivi Dottori di Perugia, alcune opere del periodo futurista dell’artista ternano andranno ad essere collocate nella sezione dei Futuristi umbri, all’interno dell’allestimento permanente delle opere del più noto futurista umbro: Gerardo Dottori, presso Palazzo della Penna nel capoluogo umbro.

“CINEMARTE”

0ca

Il mese di Maggio a Terni sarà arricchito da una nuova e interessante iniziativa culturale che vedrà l’arte (e gli artisti) al centro dell’intera manifestazione.
CinemArte è, infatti, la nuova rassegna cinematografica promossa dall’Associazione di Promozione Sociale Tempus Vitae che da giovedì 4 maggio allieterà i partecipanti con quattro proposte della filmografia internazionale, inerenti la storia di alcuni dei migliori artisti che hanno segnato il mondo dell’arte nazionale e internazionale.

La manifestazione si svolgerà per tutti i giovedì del mese di Maggio 2017 presso le sale conferenza del Museo Diocesano e Capitolare di Terni, completamente rinnovate nel loro assetto tecnologico da Tempus Vitae, grazie al prezioso contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni per il progetto “Valorizzazione e promozione del patrimonio culturale e materiale del Museo Diocesano e Capitolare di Terni”. Le sale così rinnovate saranno inaugurate proprio in occasione di questa rassegna cinematografica, dove l’arte del cinema si incontrerà con l’arte figurativa e astratta.

Un’occasione unica per gustarsi, a titolo gratuito, la bellezza del cinema d’autore che ci porterà alla scoperta di alcuni tra i principali protagonisti del mondo dell’arte.

Il Museo sarà inoltre visitabile, a partire dal 26 aprile tutti i mercoledì pomeriggio dalle ore 16 alle 18. Per informazioni contattare il 340 5663725

CORSO BASE DI TECNICA PRESEPISTICA

0pres

 

Sabato 13 Maggio 2017, dopo 4 lezioni, è terminato il corso di base di tecnica presepistica. Il corso, rivolto a quanti intendano avvicinarsi all’arte del presepe e condividano la passione e la volontà di mantenere viva la tradizione e i valori che esso reca con sé, ha visto la partecipazione di 9 discenti.

Il corso, inoltre, intendeva formare a Terni una vera e propria “fraternità della mangiatoia” tesa a promuovere e diffondere la conoscenza del presepio, elevandone l’aspetto qualitativo attraverso lo studio e la riscoperta degli aspetti storici, religiosi, artistici, tecnici e culturali che contraddistinguono la rappresentazione artistica del presepe tradizionale italiano.

Per informazioni: terninpresepe@tempusvitae.it – 389.9325592; 366.6470989; 347.1301208.

FONDI DESTINATI ALL’UNITALSI

0Logo_UNITALSI

L’associazione “Il Punto” e l’associazione “Tempus Vitae” rendono noto di aver donato all’Unitalsi Sottosezione di Terni la somma di 2.588,42 euro. La raccolta dei fondi donati è avvenuta grazie alla vendita dei biglietti per l’evento teatrale svoltosi presso il Teatro Comunale di Narni il 20 novembre 2016.

Parte della somma pari a 1.500 euro è stata devoluta il 16 febbraio 2017 all’Istituto Lombrici per anziani di Norcia in accordo con la presidente Unitalsi sezione Umbra Laura Giovagnoni, con la presidente sottosezione di Norcia-Cascia Maria Teresa Di Gregorio e con il responsabile Caritas locale don Marco.

La restante somma raccolta di 1.088,42 euro verrà utilizzata nel corso dell’anno, a sostegno delle persone bisognose già seguite dall’Unitalsi di Terni.

L’Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali (U.N.I.T.A.L.S.I.) è un’associazione cattolica dedicata al servizio degli ammalati ed in particolare al loro trasporto in pellegrinaggio presso i santuari italiani ed internazionali.

L’Unitalsi nasce nel 1903 per iniziativa di Giovanni Battista Tomassi, che all’epoca ha 22 anni, dei quali gli ultimi dieci trascorsi in carrozzella per una grave forma di artrite acuta e irreversibile; è deciso, se non ottiene la guarigione, è pronto ad uccidersi davanti alla grotta di Lourdes: non ottiene il miracolo ma, colpito dalle cure amorevoli dei volontari ai malati, rinuncia al suo proposito e alla stazione di Lourdes, al momento del ritorno in Italia, consegnando la pistola che ha con sé manifesta al vescovo monsignor Radini Tedeschi, direttore spirituale del pellegrinaggio, e al giovane sacerdote che lo accompagna, don Angelo Roncalli (futuro papa Giovanni XXIII), l’intenzione di fondare un’associazione per il trasporto dei malati.

L’Unitalsi è presente in tutto il territorio italiano e si divide in “sezioni” e “sottosezioni”. Generalmente le sezioni corrispondono alle regioni d’Italia con esclusione della Sicilia e della Sardegna che, per vastità di territorio, sono state divise in due sezioni. Le Sottosezioni corrispondono spesso alle varie diocesi ma, come per le sezioni, anche le diocesi più vaste hanno più sottosezioni.

Oltre ai pellegrinaggi, l’associazione cura tramite i propri volontari, attività di assistenza domiciliare, soggiorni estivi ed invernali ed attività di sensibilizzazione sulla condizione del malato ed effettua anche servizio civile, sia in Italia che a Lourdes.

Nel 1997 l’Unitalsi è stata dichiarata associazione pubblica di fedeli con formale elezione da parte della Conferenza episcopale italiana. Fa parte del sistema della Protezione Civile.

L’Unitalsi festeggia in particolare modo l’11 febbraio, data in cui la Chiesa cattolica ricorda l’apparizione della Madonna a Lourdes e l’8 dicembre, festa dell’Immacolata Concezione.

L’associazione ha la presidenza nazionale a Roma, in via della Pigna 13/A.

 

FINISSAGE PER LA MOSTRA SU INNOCENZI

finissage_mostra

Domenica 5 febbraio 2017 alle ore 16,30 presso il Museo Diocesano e Capitolare di Terni sito in Via XI Febbraio 4, è in programma la chiusura della mostra “Invenzione di forme e deformazioni. Alfredo Innocenzi, scultore e pittore. Dagli empiti futuristi degli anni ‘30 alla ricostruzione della città di Terni”La mostra è organizzata dalle associazioni “Il PUNTO – Centro ternano di cultura” e TEMPUS VITAE.

Per festeggiare il successo della mostra che ha visto la presenza di oltre mille visitatori, ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla sua riuscita e rendere omaggio ad un artista di grande valore quale era Alfredo Innocenzi che ha contribuito con le sue opere a ridare forme e vita ad una città duramente colpita dalla guerra.

Durante la manifestazione di chiusura verranno proposti al pubblico presente i seguenti eventi:

  • ARTE incisa il Prof. Massimo Zavoli eseguirà dal vivo una stampa calcografica ad acquaforte di un’opera perduta di Alfredo Innocenzi dal titolo “Omaggio ad Alfredo Innocenzi” (un’arte antica, quella dell’incisione, che, nata inizialmente per decorare armature, si è poi rilevata una tecnica idonea alla espressione artistica, soprattutto quando, la mano dell’artista è in grado di sottometterla alla propria personalità).
  • Presentazione di brani futuristi di Innocenzi e alcune poesie dedicate all’artista, lette da Domenico Cialfi
  • Brindisi finale per celebrare il successo della mostra.
  • Allieterà il pomeriggio la musica del maestro Marco Collazzoni.
  • Verrà proiettato, in roll, il filmato realizzato dalle Associazioni sull’opera artistica di Innocenzi vista attraverso gli occhi e i sogni di Donna Letizia “una donna sognate” e amante dell’arte.
  • I ringraziamenti dei curatori della mostra Domenico Cialfi e Marco Grilli.